Novità da FIV e conseguenti decisioni del Consiglio Direttivo in merito all'emergenza COVID

Ciao a tutti,

pochi giorni fa si è svolta una video-riunione dei vertici FIV cui hanno partecipato i rappresentanti della varie Classi: un totale di ben 83 partecipanti.

Il presidente Ettorre ha illustrato i passi che la Federazione intende intraprendere per la ripresa delle attività, che vi elenco brevemente, copiando dalla mail ricevuta da chi ha partecipato e ci ha informati:

  • Fino al 17 Maggio nessuna attività competitiva potrà essere svolta, e probabilmente, anche dopo, la riapertura sarà molto graduale.
  • Per le manifestazioni/competizioni non si ripartirà prima di inizio Giugno. Comunque le manifestazioni saranno "a porte chiuse" e in sicurezza (mascherine ecc.)
  • Tutti gli eventi fino ad Agosto saranno a porte chiuse, con limitazioni nello svolgimento (briefing, iscrizioni, premiazioni, eventi sociali dovranno avevnire rispettando le distanze sociali, quindi con modalità differenti da quelle solite...probabilmente almeno fino a settembre). Le regate verosimilmente saranno quindi "solo regate", niente cerimonie, attività ludiche correlate, attività sociali a contorno, premiazioni ecc. Questo per rispettare il distanziamento sociale (la cui definizione è però ancora confusa: distanza tra atleti, o tra il pubblico, necessità di certificazione di negatività degli atleti?): su questo c'e' responsabilità penale da parte degli organizzatori.

Proprio quest'ultimo punto ci spinge a dire, con verdetto unanime del Consiglio Direttivo che, essendoci tutto tranne che chiarezza, è assolutamente inutile rischiare. Non avrebbe senso organizzare regate a porte chiuse, o allenamenti che richiedono tamponi e distanziamento negli spogliatoi e nei bagni, da sanificare dopo ogni uso. Anche la scuola vela di giugno sarà impossibile. E così il Provalavela del 2 giugno.

Pertanto tutte le attività del circolo sono sospese fino a che la situazione non si chiarirà. Le strutture del circolo resteranno chiuse e non utilizzabili (anche se avete le chiavi dei servizi). Così pure le barche sociali.

Sarà invece permesso, per i soci armatori che volessero arrischiarsi ad uscire e sempre nell'ambito delle limitazioni imposte per legge, l'ingresso al circolo esclusivamente per prelevare la propria imbarcazione. Resta inteso che ciò avverrà sotto la totale responsabilità del socio stesso.

La società Persport, che condivide i nostri spazi, avendo carattere professionale ed agonistico, presumibilmente e quando sarà possibile ricomincerà gli allenamenti, anche se a ranghi ridotti. Pertanto non stupitevi se vedrete attività nel circolo: saranno svolte sotto la completa responsabilità del suo Presidente e non ci riguarderanno.

E' veramente un anno triste, ma ci rifaremo.

Un abbraccio a voi ed ai vostri cari,

Maurizio